Circumnavigarte


Vai ai contenuti

Menu principale:


Grotte di Catullo

Premio Sirmione Lugana Archivio > 2012 - 3a Edizione > Risultati 2012

“Premio Grotte di Catullo”
poesie nei dialetti regionali italiani
i premiati


Primo classificato
"Angiuli ... cù 'n'ala...."
(Angeli con un'ala)
Lacava Paolo (Fabriano - An)
dialetto calabrese



Leggiu chi quand'è ura chi murimu,
nù ddivintamu Angiuli cù 'n'ala,
datu ch'o voi, o non voi, ormai nci simu
nciu ricu a mé mugghieri, chi si sciala….

..."Carmé, nci penzi, eu 'n'angiuleddhu,
pirò cù 'n'ala sula, sa chi penzu?
Cù 'n'ala sula sugnu…Menzu 'ceddhu…
…Non su 'nu bellu angiulu, su menzu!!!

Rici pirò, (cù sa) si ndi 'mbrazzamu
iampandu tu 'a tò ala e eu 'a mia,
nù ddivintamu angiuli e vulamu,
vulamu, manci penzi? Chi paccìa…

…Vulamu, ndi nchianamu supr'e stiddhi,
vulamu iati iati 'nt'o Criatu,
nci penzi, tu chi gghiampri 'i tò masciddhi
e voli tantu chi ti manca 'u jatu…

…Carmé, ti 'spettu, ti 'spettu quandu moru,
'spettu ddhassupra, rrallentu chianu chianu,
po', sutt'o suli, nù, cull'ali r'oru,
sfarfalliandu ndi tinim'a manu…

…Eu tì 'spettu, puru fra cent'anni,
ti ggiuru che ti 'spettu, ndi scialamu,
rririmu, finalmenti, senz'affanni,
cusì, rrirendu, in cielu ndi vulamu….

Leggo che quando è ora che moriamo,
noi diventiamo Angeli con un'ala,
dato che, vuoi o non vuoi, ormai ci siamo,
lo dico a mia moglie, che si sciala…(Ha piacere)

…"Carmé, ci pensi, io un Angioletto,
però solo con un'ala, sai che penso?
Con solo un'ala sono mezzo uccello…
…Non sono un bell'Angelo, son mezzo…

Dice, però, (chi sa), se ci abbracciamo,
aprendo la tua ala ed io la mia,
noi diventiamo Angeli e voliamo,
voliamo, ma ci pensi? Che pazzia….

…Voliamo su, saliamo sulla stelle,
voliamo alti alti, nel Creato,
ci pensi, tu che allarghi le tue ascelle
e voli tanto che ti manca il fiato….

…Carmé, ti aspetto, ti aspetto quando muoio,
aspetto…Sopra…Rallento, piano piano,
poi, sotto il sole, noi, con ali d'oro,
sfarfalleggiando ci teniam la mano…

…Io ti aspetto, pure fra cent'anni,
ti giuro che ti aspetto, ci scialiamo,
ridiamo, finalmente, senz'affanni,
così, ridendo, in cielo noi voliamo…


Secondo classificato

"Nostalgie"
(Nostalgie)
Danese Zini Giuseppina (Cornaredo Vicentino - Vi)
dialetto vicentino



'Ndove sarai mai 'ndà
chei tusìti de 'na volta,
ch'i vegnéa zo da la montagna
e i batéa de porta in porta,
par véndare massìti
de ciclamini e de mughìti e
sugóse asarèle, bèle nére,
misura a spane co'l bicére?.
E chele dòne de malga,
za véce a quaranta ani,
che esibiva puìne 'nteT sacheto,
fresche de late o infumentà
'nte'l camin, e bòsse de fioréta
e formàjo de malga nostran,
ma de quelo senpre poco,
solo qualche tochetin?
'Ndove sarai mai 'ndà?
Xe finìo quel tenpo,
gèra quelo el so destini
Pensàndoghe 'desso, me
vien 'ncora l'aqua in boca:
quei diese franchi de gelato,
solo crèma o ciocolata, che
se conprava solo 'na volta,
UNA, a la setimàna, da l'ometo,
che passava in bici co'l careto.
De le do pegnàte alsava el quèrcio,
che sluseva al sole, el raspava e
su'l canoto de cialda strucava
'na baleta o do, a seconda dei schèi.
Co sinque, diese franchi gèra
za paga la voja incontentà.
Dio, che felissità!
I fighi 'nte la sestèla,
fodrà de foje de visèla,
i reci de ua, che se spigolava
su le tirèle vendemà,
le prime nose, rancura
inframèso a le foje seche,
rùsene e incartossà:
tuto passa, tuto canbià.
Ma me lo sento 'nte'l core,
vivo de odùri e culùri,
cofà 'na ròba capita
in sto memento, propio qua.

Dove saranno mai finiti
quei bambini di un tempo,
che scendevano dalla montagna
e battevano di porta in porta,
per vendre mazzetti
di ciclamini e di mughetti e
succosi mirtilli, nero scuro,
misurati a spanne col bicchiere?.
E quelle donne di malga,
già vecchie a quarant'anni,
che offrivano ricotte nel sacchettino,
che profumavano di latte o affumicate
nel camino, e bottiglir di ricotta liquida
e formaggio nostrano di malga,
ma di quello ce n'era sempre poco,
solo qualche pezzettino?.
Dove saranno mai finiti?
E passata quell'epoca,
era quello il suo destino!
Pensandoci ora, mi
viene ancora l'acquolina in bocca:
quelle dieci lire di gelato,
solo crema e cioccolato, che
si comprava solo unavolta,
UNA, alla settimana, dall'omino,
che passava in bicicletta col carrettino.
Delle due pentole alzava il coperchio,
che riluceva al sole, raschiava e
sul cono di cialda schiacciava
una pallina o due, a seconda dei soldi (che avevi).
Con cinque, dieci lire era
già appagata la voglia soddisfatta.
Dio, che felicità!
I fichi nel cestino,
foderato con foglie di vite,
i racimoli di uva, che si spigolavano
sui filari vendemmiati,
le prime noci, raccolte
in mezzo alle foglie secche,
color ruggine e accartocciate:
tutto è passato, tutto è mutato.
Ma me lo porto nel cuore,
vivo di odori e di colori
come un qualcosa che accade
ora, proprio qui.


Terzo classificato

"Uocchie"
(Occhi)
Elio Caterina (Modena)
dialetto irpino



Lascene arreto 'n surco
commè russerò
serpiente 'ncoppa a rena d'e nu desierto mute.
Ucchie ruosse,
e sempe 'u sale supra i panni scuri.
'A 'rro vengnono cheste figure 'a caposotta?
Tienono addora e sciume, e fuosse 'e viento i'nfaccia
e quanno verono 'nu viecchie
a'ddomandano: 'add'ammoì
pè trova i suogni?,
e isso c'a mano segna luntano,
'nanzi, addo stanno e pescuni abbandunate dd'o mare.

Si lasciano dietro la scia,
come fossero
rettili sulla sabbia di un deserto senza eco.
Occhi grandi,
e tanto sale sulla stoffa che sì scura.
Da dove vengono queste immagini rivoltate?
Hanno odore di fiumi e rughe di vento sul viso
e quando incontrano un vecchio
chiedono: da che parte
per arrivare ai sogni?,
e lui indica lontano,
avanti, verso le rocce abbandonate dal mare.


Quarto classificato

"A vuci d'u mari"
(La voce del mare)
Silvana Andreacchio (Chirignago - Ve)

dialetto calabrese



Stava ssittata supra nu scogghiu pinzerusa
e i peri l'unda duci m'nfriscava
quandu all'intrasattu na vuci 'mperiusa
dall'acqua abbenta d'u mari s'arzava.

Sbarruai l'occhi e a ricchi tisi
e sentia n'omu riciri in calabbrisi: - Simu cu Garibadi cchi voli fari l'Italia vera
aniti cu Piemonti sutta na sula bandera.

Appressu sentia nautru cristianu murmurijari:
- Pi quali malanova aviumu a suppurtari
certi paisani 'nfami cchi fannu sordi cchi malaffari.
E nuautri puru cchi sapimu, schiantati,
nu putimu parrari.

Stavu 'mmusunita , 'ncredula pi ll'incantu
quandu sentia i sireni fari nnu duci cantu
e 'nda ll'acqua a fata Morgana ca su beddhizza
mi mostrau nu monti c'u focu cchi sulu s'ttizza.

E 'ndu specchju d'llusioni aundi jeu mi rifrettia
cchiddu c'u mari mi vossi riciri capiscia,
storia e meravigghji a Calabbria poti vantari
ma si nu sciuppa a mala erba esti
na terra da 'bbannunari.


Stavo seduta sopra uno scoglio pensierosa
e l'onda dolce i piedi mi rinfrescava
quando all'improvviso una voce imperiosa
dall'acqua quieta del mare s'alzava.

Sbarrai gli occhi e l'orecchio tesi
e sentii un uomo dire in calabrese:
" Siamo con Garibaldi per fare l'Italia vera
uniti con il Piemonte sotto una sola bandiera"

Dopo sentii un altro cristiano mormorare:
"Per quale cattiva sorte dobbiamo sopportare
certi paesani infami che fanno soldi col malaffare
E noi pure che sappiamo, per paura ,non possiamo parlare."

Stavo in silenzio, incredula per l'incanto
quando sentii le sirene fare un dolce canto
e nell'acqua la fata Morgana con la sua bellezza
mi mostrò un monte col fuoco che da solo s'attizza.

E nello specchio d'illusioni dove io mi riflessi
quello che il mare mi volle dire intesi,
storia e meraviglie la Calabria può vantare
ma se non sradica l'erba cattiva è una terra da abbandonare


Quinto classificato

"Anum in pena"
(Anime in pena)
Zannoni Bruno (Ferrara - Fe)
dialetto romagnolo



Cun i rifléss de zall e de marón
al s'cócia masamónt, còma par chès,
inscartuzèdi, sechi, int un cantón
in zérca d'un rifùg par stèr' in pès;
mo e' móc d'st'al fój un gn'è dóbi ch'e' dura:
u s'gòd l'invéran, che l'è drì chTarìva,
a sparguiél cun una bota d'bùra
ch'u n's'n'è mai vésta óna piò catìva.
Al vola, pu al s'apògia, al vola incora;
s'al trova un èt cantón, al s'aramàsa
mo a gl'ha capì che ormài l'è la su óra
e al ziga sóta i pi ad quij ch'i pasa.
Al n'ha piò 'na speranza par e' dmàn,
al s'è dsminghèdi cs'è suzèst ajr;
u n'gn'è piò anción cui pòsa de una man:
ànum in pena còma i mi pinsìr.

Con i riflessi del giallo e del marrone
si accucciano ammassate, come per caso,
accartocciate, secche, in un angolo
in cerca di un rifugio per stare in pace;
ma il mucchio di queste foglie non c'è dubbio che resista:
si diverte l'inverno, che sta arrivando,
a disperderlo con una sferzata di bora
che non se ne è mai vista una più cattiva.
Volano, poi si appoggiano, volano ancora;
se trovano un altro angolo, si ammucchiano
ma hanno capito che ormai è la loro ora
e piangono sotto i piedi di quelli che passano.
Non hanno più una speranza per il domani,
hanno dimenticato cos'è accaduto ieri;
non c'è più nessuno che possa dar loro una mano:
anime in pena come i miei pensieri.






Home Page | L'Associazione | Statistiche | Come associarsi | Convenzioni per i soci | Premio Sirmione Lugana 2013 | Premio Sirmione Lugana Archivio | Concorsi | La libreria | Librerie e Case editrici | Eventi | Galleria degli Artisti | Associazioni | Arte e storia | Stampa e comunicati | Contatti | Scrivici | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu